Come prima più di prima…Chissà?!

Come prima più di prima…Chissà?!

 

Ciao, stai pensando all’anno vecchio o a quello nuovo?

 

Io a tutti e due! Penso che uno sguardo al passato sia sempre utile per progettare il futuro. Cosicchè ho scorso tutte le notizie che ti ho mandato durante l’anno appena trascorso.

 

Sai che mi sono stupito di tutto quello che abbiamo fatto?

 

Maratone del Risotto, cene ed altri eventi di beneficenza, presentazioni del libro, gite, viaggi, nuove ricette, ecc. ecc.

E senza contare l’impegno più importante, quello di tutti i giorni.

 

Oryza e Osteria Mezzaluna, non mi stancherò mai di dirlo, non sono

due ristoranti, come si intendono comunemente, ma due storie. Che raccontiamo a chi ha il gusto e il piacere di ‘ascoltare’,

cercando di far vivere un’esperienza. Di quelle che si ricordano e che vien voglia di raccontare a propria volta.

 

Sono storie con tanto di soggetto, sceneggiatura, scenografia, personaggi e interpreti.

 

Oryza.

Soggetto: il riso, in tutta la sua Cultura e Coltura.

Sceneggiatura: un menù che esprime tutta la versatilità del riso, dall’antipasto al dolce.

Scenografia: un ambiente in cui ogni particolare caratterizza

l’identità del re dei cereali.

Personaggi e interpreti: noi che operiamo e chi si siede ai nostri tavoli, non da spettatore ma compartecipe nella scena.

 

Osteria Mezzaluna.

Soggetto: il Mediterraneo, in tutto il suo Calore e Colore.

Sceneggiatura: un menù ricco dei più autentici e genuini sapori delle tipicità delle regioni che si affacciano nel Mare Nostrum.

Scenografia: un ambiente e un’atmosfera fortemente evocativi, che rievocano suggestioni intense. “Quando veniamo da voi ci sembra di andare in vacanza”, è uno degli apprezzamenti più graditi che riceviamo.

Personaggi e interpreti: come sopra, noi che operiamo e chi si siede ai nostri tavoli, non da spettatore ma compartecipe nella scena.

 

E’ inutile che ti dica chi è il regista.

 

Mettendo tutto insieme: eventi straordinari e impegno quotidiano, essendo all’inizio dell’anno, mi sorge la domanda: ma avrò ancora stimoli, energie, idee e sufficente serenità per rinnovarti tutto quello di cui sopra, magari aggiungendo ancora qualche novità?

 

E’ naturale pensare che andiamo incontro all’imprevedibile, senza necessariamente pensare a cose negative, ma molto dipenderà

da entrambi: in questo caso, io che propongo e tu che accogli le nostre proposte. Papa Francesco, che spesso rischiara i miei pensieri, dice – essendo un uomo che ha sì la testa in cielo ma i piedi ben piantati per terra – che il tango si balla in due. E lui è uno che se ne intende, anche di tango.

 

Che sarà di noi, lo scopriremo solo vivendo e nell’attesa che arrivi la bella stagione in cui potremo andare a rincorrere una libellula in un prato, ti propongo la prossima Maratona del Risotto, accompagnata dall’augurio di un Anno Buono.

 

   Saluti dall’Oste, Renato Collodoro, con tutta la Compagnia

 

6 commenti to Come prima più di prima…Chissà?!

  1. Come dicevo giovedì alla fine della maratona, è sempre piacevole leggere i tuoi messaggi. Per me ,quindi , continua pure con gli invii

  2. Ciao Renato, sono stata solo una volta anni fa al tuo ristorante e non ho più avuto la fortuna di poter passare a Torino (abito a 280 Km di distanza).Ho sempre letto con interesse non tanto le maratone, le ricette o quant’altro, quanto le cronache dei tuoi viaggi per portare un po’ di speranza a comunità sfortunate oppure tutto quello che organizzi per poter inviare aiuti concreti. Ti ho visto come un imprenditore capace di mantenere uno sguardo sull’altro nonostante il super-lavoro, nonostante gli affari, nonostante la tirannia del tempo. Grazie per questa testimonianza, spero di poterti leggere ancora con quella carica immutata

  3. Ciao Renato,
    come puoi immaginare ricevo sempre volentieri le notizie sulle tue iniziative.Anzi mi puoi anticipare quando sarà la maratona del risotto di febbraio? Vorrei venire con Francesca e Andre che a gennaio non potevano.
    Ciao
    Marina

  4. Continua pure a scrivere sono sempre presa da mille cose ma ti leggo volentieri e ti pubblicizzo su su avanti scrivi senza farti paranoie neeeeeh 🙂 grazie

Lascia un tuo commento: