Tra un Sì e un No, nell’incertezza vieni a trovarci

Tra un Sì e un No, nell’incertezza vieni a trovarci

 

 

Sì o no, sì o no – Sì o no, sì o no – Sì o no – Sì o no – Sì o no – Sì o…

 

Ehi… io già lo so

che matto diventerò

se mai deciderai

di dirmi che tu verrai.

 

Sì o no, sì o no – Sì o no, sì o no – Sì o no – Sì o no – Sì o no – Sì o…

 

Riconosci questa pietra miliare della musica internazionale?

 

Circola voce, tra gli addetti ai lavori, che a Fiorello verrà assegnato

il prossimo premio Nobel per aver intercettato in largo anticipo

le inquietudini del mondo globalizzato, continuamente in ballo

tra un Sì e un No.

 

Fiorello ha già annunciato che, a differenza di Bob Dylan, ritirerà il premio, ma solamente per non essere scortese e per far apparire il

suo collega americano ancora più antipatico.

 

Domenica prossima, già che sei in giro per un Sì o per un No, nell’incertezza vieni a trovarci che ci portiamo avanti per il Natale.

Che tanto arriva sempre il 25 dicembre.  Almeno su questo non dovremmo avere dei dubbi.

 

L’idea è quella di alleggerire le tensioni della giornata, sapendo che lunedì è un altro giorno… e si vedrà.

 

Perciò ti invitiamo a venire a trovarci.

Per l’occasione stiamo organizzando una tombolata napoletana

allietata da qualche amico musicista.

 

In più appronteremo un mercatino di tante belle cose che si possono regalare per Natale, e in mezzo ci mettiamo qualcosa

da bere e da mangiare come è nostro solito.

 

Tra le cose buone, troverai dei biscotti molto particolari

che abbiamo trovato durante il nostro ultimo viaggio in Sicilia,

che QUI ti racconto.

 

Concludendo…

Ehi… io già lo so

che matto diventerò

se mai deciderai

di dirmi che tu verrai.

Domenica 4 dicembre

dalle ore 16.00 alle ore 19.30

Ristorante Oryza

tel. 011-5130574

 

E visto che la vita va avanti, anche tra i Sì e i No, tutto quello

che ricaviamo va per i prossimi pozzi che presto andremo

ad inaugurare.

 

Per dopo le feste, invece, ci stiamo organizzando per dare la nostra mano ‘ferma’ per quella bella Terra che continua a tremare.

Ti aspetto, fammi sapere!!

 

Saluti dall’Oste, Renato Collodoro, con tutta la Compagnia

 

 

Lascia un tuo commento: